Forse non tutti sanno che...



In questa sezione vogliamo elencare delle curiosità sui gatti di cui non tutti sono a conoscenza, e che invece è utile sapere.
Anzi, chiediamo a tutti da dare il loro contributo: se foste a conoscenza di qualche utile curiosità che non sia già elencata qui, segnalatecela nella nostra casella di posta elettronica indicando nell'oggetto "FORSE NON TUTTI SANNO CHE..." e, se pertinente, la metteremo online citando il vostro nome o nickname, se ci autorizzate a farlo!

Forse non tutti sanno che...
... noi gatti detestiamo in modo particolare il profumo degli agrumi. Infatti, un consiglio ricorrente che viene dato a chi ha un giardino e vuole impedire il transito ai gatti randagi è quello di piantare degli alberi di limoni. Senz'altro, una soluzione molto meno pungente che piantare gli spuntoni taglienti nelle aiuole ed esteticamente più gradevole, nonché utile: potete fare a meno di comprare i limoni dal fruttivendolo!
... anche sui nostri denti si forma il tartaro che, se non curato, ce li farà cadere, proprio come succede a voi umani! Ormai quasi tutti i veterinari sono dotati della strumentazione necessaria per rimuoverlo, facendo una vera e propria igiene dentale, solo che per farlo occorre addormentarci, sennò sono cavoli! Tuttavia, un rimedio per rallentare la formazione del tartaro è quello di farci mangiare tutti i giorni i croccantini (non necessariamente del tipo oral care), perché con la masticazione essi esercitano una sorta di pulizia meccanica che aiuta a rimuovere la placca dentale, evitando che, a lungo andare, questa possa trasformarsi in tartaro.
... la propoli è un ottimo rimedio naturale per curare anche la raucedine dei gatti. Se sentite dal miagolio del vostro gatto che sta senza voce, potrebbe essere perché ha la gola irritata. Somministrategli la propoli in gocce, 10 gocce al mattino e 10 gocce la sera per 3 giorni, poi solo una volta al giorno per altri 3 giorni e se la situazione migliora, sospendete, altrimenti continuate finché la voce non gli torna normale. Badate però a sparargli le gocce (col contagocce) direttamente in gola, perché il sapore è veramente schifoso e se se lo sente sulla lingua, andrà sputacchiando sul pavimento finché non se ne sarà liberato!
... l’uva e l’uvetta sultanina possono causare insufficienza renale negli animali domestici
del Dr. Tim Dietrick
Fonte: Richmond Times-Dispatch

Uva e uvetta sultanina sono tossiche per gli animali domestici, inclusi gatti, cani e furetti. Il particolare agente tossico e il meccanismo d’azione sono sconosciuti e si suppone che la tossicità sia causata da qualche sottoprodotto del processo digestivo di uva/uvetta.
L’effetto finale di un’overdose di uno di questi alimenti è l’insufficienza renale. Il numero di acini sufficiente a far insorgere la tossicità è approssimativamente di 1 per ogni 2 kg. A un cane di 20 kg basterebbero solo 10 acini per assumerne una dose tossica. L’uvetta sultanina, invece, può essere tossica in ragione di 3 ogni 2 kg, o 30 uvette per un cane di 20 kg.
I segnali clinici di solito si manifestano dalle 6 alle 24 ore dall’ingestione. I primi segnali sono gastrointestinali, come inappetenza, vomito e diarrea. I segnali di insufficienza renale includono anche vomito e riduzione della quantità delle urine. Come per ogni tipo di intossicazione, il fattore tempo è cruciale. Contattate immediatamente il vostro veterinario se sospettate che il vostro animale possa aver ingerito uva o uvetta.
Il trattamento previsto in questi casi serve a prevenire l’assorbimento nel tratto gastrointestinale, inducendo il vomito e somministrando carbone attivo per attaccare l’uva/uvetta digerita nell’intestino. La decontaminazione del tratto gastrointestinale è utile solo se iniziato da entro le tre alle sei ore dall’ingestione. Quanto prima verrà rimossa l’uva/uvetta, tanto più sarà ridotto il pericolo di insorgenza di problemi renali letali.
Per alcuni giorni sarà richiesto il ricovero con somministrazione di flebo e medicazioni iniettabili miranti a sostenere la funzionalità renale. I valori renali vengono monitorati quotidianamente. Purtroppo, la prognosi per la guarigione degli animali con insufficienza renale è scarsa.
Il miglior consiglio è quello di evitare di dare uva/uvetta al vostro animale. Anche solo una manciata dell’una o dell’altra può rivelarsi un rischio inutile e stupido.


Lo standard del Gatto Randagio, o Stray Cat
Il benessere del tuo gatto
Non abbandonare il tuo gatto!
La leggenda del Ponte dell'Arcobaleno
Quadri Parole e Pensieri - I Gatti
I video
I nostri Smiley
Il Forum




INDIETRO